PER LE PAGINE, CLICCA QUI SOTTO!

martedì 14 maggio 2013

SON PERSO DI ADELINE " Daniele Raineri Art I RACCONTI"

Sono le 03.00 e dalla finestra si scorge l'acquazzone che scende giù.
Siamo in una stanza affittata per una notte sopra al bar di Larry. Semi buia, c'è solo un piccolo lume acceso, con il fumo delle nostre sigarette che crea atmosfera.
Il silenzio  regna.
Io sono sdraiato sul letto, Adeline, vicino a me, ha il volto appoggiato sul mio petto.
Dice, che le piace, perché sente battere il mio cuore così.
Vai a vedere per quanto batterà ancora il mio cuore, forse dopo questa notte di pioggia, non ci sarà più nulla.
Abbiamo appena finito di fare l' amore. Adeline ora indossa la mia camicia, le sta grande,
ma dice che le piace indossare le mie camicie, sente il mio odore addosso.
E' una studentessa Adeline, ha una vita complicata anche, dice.
Adeline pensa che il mondo sia tutto una magia, che è bello ogni giorno svegliarsi tra le braccia di qualcun'altro, che tanto la vita è una. Che le basta un sorriso per vivere.
Ci ha lo spirito libero la ragazza.
Adeline ha ventidue anni, dice che il sistema è tutto sbagliato, che dovrebbe esserci più amore e meno guerra, che il mondo dovrebbe essere tutto una grande orgia colossale, e ci si dovrebbe voler più bene.
Così ci sarebbe meno fame.
Io il paradosso che tutto il mondo debba essere una grande scopata, non lo vedo mica così male.
La ragazza è bella tanto, ha una folta chioma di capelli biondi che le scendono fin sotto la schiena, lisci, liscissimi, c'ha un taglio d'occhi occidentale quasi, e quando fa' lo sguardo da cerbiatta con quegli occhioni scuri mi fa' impazzire.
Le donne, non sono altro che la più grande meraviglia di Dio.
Qualcuno afferma, che essendo state loro, la sua ultima creazione, sian la cosa uscita meglio.
Non ha tutti i torti chi lo afferma.
Adeline adesso mi guarda, e chiede di fumare, allora afferra la sigaretta dalla mia bocca, se la infila nella sua e fa' la sua tirata.
Il fumo pian piano esce dalla sua bocca.
" Vorrei potesse piovere per sempre" le dico
" Non può piovere per sempre" mi dice
" Vorrei questa notte non finisse mai" le dico, e intanto le accarezzo la chioma da dietro il capo.
" La notte, è fatta per terminare, il giorno non aspetta"
Lei è sensuale, delicata, è tutto ciò che un uomo può desiderare dalla propria donna.
Vorrei amarla per ogni fottuto istante della mia vita, stare appiccicato ai suoi seni per giorni,
sentire la sua carne nella mia sempre.
Non glielo dico però.
C'è chi afferma, che dicendo troppe cose alle donne, si rischia di farle annoiare. Io mi accontento di sentire il profumo dei suoi capelli in questo momento, e di averla nuda affianco a me.
" Domani sto' con Todd " dice.
"Chi è?" " E' quello grasso, che giù al bar c' ha sempre la camicia a quadrettoni rossa, e il berretto."
" Cristo santo, quanto ci devi stare?"
"Ha pagato tutta la notte"
" Io mica lo capisco perché te la fai con tipi come quelli"
" Perché c' hanno i soldi, e mi  pagano, e Todd paga bene"
Adeline, è una ragazza che a differenza delle altre, già ventidueanni, ha capito come funziona la vita.
Ecco perché non le dico che l' amo. Che tanto quella si sbatte me stasera, e domani si scopa Todd.
" Ci sei stata già con mr berretto?"
" Che domande, certo"
" Ti piace stare con lui..."
" Mi piaci di più tu, sciocchino*"
" Vorrei averti solo per me..." Le dico.
... non risponde
" Andiamocene via, fuggiamo da tutta questa merda"
... non risponde
" Dai..." le dico
" Sentiamo, dove vorresti portarmi marinaio, non hai un becco di un quattrino, fai lo scrittore, dici che scrivi,
ma a malapena riesci a pagarti le scopate che ci facciamo al venerdì"
" La mia scrittura rende l' indispensabile, è già tanto che riesco a scoparci con te..."
" Ogni cosa ha il suo prezzo" mi dice, lanciando un sorriso.
Poi infila la mano sotto il lenzuolo, alza il capo mi bacia e iniziamo a fare l' amore, per la terza.
05:30.
Siamo di nuovo qui, finito il terzo amplesso, che accendiamo sigarette.
"Sto per finirle, devo andare a comprare altro tabacco"
" Tranquillo, ci vai appena scendiamo"
" Ma sto Todd', a letto no, è più bravo di me?"
" Oh si..." Mi guarda con aria di sfida
" Solo che io a te, t' amo"
" Anche io t' amo baby"
" A volte penso, che se in questo momento non fossimo insieme, su questo letto a scoparci, probabilmente sarei in qualche altro lato del mondo a scopare qualcun'altro" mi dice.
... non rispondo
" La vita è strana, una sogna di diventare tutto, e poi si ritrova a marcire nella merda, per lo meno non ho problemi con il fisco e le tasse"
" Non fotterti il cervello in certe congetture piccola, la vita va' vissuta come viene, ogni momento è unico, ed ogni momento non tornerà"
" Si son fatte le sei, fra un po' io devo staccare, qualche oretta di sonno che oggi sono a pranzo con Jimmy bob"
" Chi è mo' Jimmy Bob?"
" E' quello che sta sempre alle slot, che ha la moglie zoppa"
" Ah si, ma non era in carcere quel Jimmy Bob?"
" No, è uscito da una settimana circa"
" Vedo che non ha perso tempo il bel bastardo, gliela darai?"
" Si a pomeriggio, mi porta a fare un giro..."
" Io ti amo, non sopporto che ti si scopino così tante volte"
" Baby, la vita è così, poi un giorno quando sarai ricco, mi scoperai solo tu, ti amo anch'io"
...
06:30, Adeline si alza dal letto, si toglie la camicia, e va' ad infilarsi sotto la doccia,
io la seguo, la quarta, sotto la doccia.
Finito, stremato mi butto sul letto, la stanza l' ho pagata per la notte, ma vaffanculo alle stanze.
Gli occhi si stanno chiudendo, sento bussare alla porta.
" C'è il cambio dei lenzuoli" grida quella vacca grassa che pulisce le stanze
"vaffanculo" grido.
Se ne va'. Magari c'è rimasta anche male, è la natura pazienza.
Intanto Adeline è ritornata in camera, in topless, inizia a rivestirsi. Mamma com'è bella.
C'ha un' aria radiosa. Se fossi nata donna, non credo sarei stata bella quanto lei.
" Ehi baby, allora io vado"
... Non rispondo, poi le mando un ciao.
Non voglio vada via, voglio restare a fare l' amore con lei per tutta la vita.
A volte, quando sono solo a far le mie robe, quelle volte in cui non la sento e so' che probabilmente è fra le braccia di un altro, e magari lo ama pure più di me, mi sento morire. Cazzo quant'è crudele il mondo.
Macchè ci vuoi fare, così è la vita.

Nessun commento:

Posta un commento