PER LE PAGINE, CLICCA QUI SOTTO!

martedì 22 dicembre 2015

I MIGLIORI ACQUERELLI DA COMPRARE

L'acquerello è una tecnica pittorica che mi ha sempre affascinato moltissimo.
Da un po di tempo a questa parte, mi sono avvicinato a questo tipo di tecnica, anche per dei lavori realizzati e dei prossimi lavori che realizzerò con questo mezzo pittorico.

Prima di avventurarsi in qualsiasi tecnica, prima di poterne parlare e di descriverla "agli altri", mi sono informato nei meandri più oscuri di internet per cercare siti, artisti, e le più svariate tecniche, che comprendono il mondo degli acquerelli.

In questo articolo, vi descriverò quindi, dopo queste svariate ricerche di mesi e mesi, quali sono i migliori materiali e qual è la miglior scelta per acquistare degli acquerelli. Ricordiamoci che le cose buone si pagano, come diceva qualcuno, quindi arrivare ad avere un vasto set di materiali fra pennelli e colori e carta, richiederà una spesa abbastanza importante, in quanto i materiali professionali costano, basti pensare che ci sono pennelli della ( Serie10 Maestro, della Da Vinci, in pelo di martora ) che arrivano a costare anche 1400 euro. Un singolo pennello. ( Intendo ). ( eh si ).
" Qualcuno diceva che l'arte, è per i poveri ". Ma vabbè.

Chiaramente vi parlerò di tutto ciò che è il top di gamma per questo settore.

Allora facciamola semplice, rilassiamoci e mettiamoci comodi per questa lettura.

L'acquerello, è un colore che viene utilizzato in tecnica coprente, o non coprente, a seconda di ciò che si vuol fare; viene utilizzato ed affiancato da acqua. Abbiamo diverse soluzioni di acquerello:
quelli nello scodellino ( godet ) , quelli in tubetto, oppure quelli in stick, che possono essere utilizzati anche senz'acqua, come pastelli.



Qui un esempio di tubetto da 5ml di colore.
Schminke Horodam



Esempio di acquerello in scodellino o godet.
Questi colori possono essere o in
mezzi godet, o in godet interi.


















Esempio di acquerello in Stick.
Daniel Smith.
Solitamente gli Stick hanno dimensione
di tre godet interi.











Nelle immagini ho inserito quelli che secondo una ricerca, sono considerati tra i migliori acquerelli sul mercato. Un ottimo colore ad acquerello si distingue dagli altri, per l'elevata pigmentazione che il colore contiene, permettendovi di avere un colore più corposo e vivace.
Un ottimo colore ad acquerello si distingue anche dalla brillantezza, e da altri composti che il colore possiede. E' sicuramente possibile trovare acquerelli che hanno prezzi inferiori, in quanto scarseggiano di luminosità e pigmentazione.


Un ottimo acquerello si distingue anche da altri fattori, ossia:
se il colore si asciuga in fretta, se può essere cancellato, e dal suo livello coprente.
Solitamente quando si sceglie il colore, questi dettagli si possono notare tramite dei segni, in modo da poter identificare l'effetto.

Ad esempio dal quadratino e dal triangolo (pieni) che vediamo sotto questo colore, possiamo capire che questo colore è totalmente coprente è che non può essere cancellato.


In questo caso vediamo i simboli vuoti, vuol dire che il colore che stiamo scegliendo, non è coprente e può essere cancellato.

Queste cose sono fondamentali da sapere perché magari si ha il rischio di acquistare qualcosa su internet, e magari se volevamo un colore coprente, per sbaglio si compra un colore che non c'entra una mazza. Oppure invece di voler comprare un pacchetto, sapendo queste informazioni, possiamo decidere e scegliere i colori che più ci piacciono conoscendo le loro caratteristiche e gli effetti.

Gli acquerelli vengono venduti in pacchetti, che possono variare, se in godet interi o mezzi godet,
o se in tubetti piccoli, oppure grandi.
Solitamente gli scatoli possono essere in metallo oppure in plastica, e possono contenere dagli otto,
ai quarantotto mezzi godet, o ventiquattro godet interi. E' chiaro che in base al numero e dimensione dei colori i prezzi salgono.






Ad esempio vi invito a cercare gli Schminke Horodam, acquerelli tedeschi di elevatissima pigmentazione e brillantezza. Sono tra i migliori al mondo, ad esempio, le tavole di ( Una storia ) di Gipi, sono realizzate con questi acquerelli.
I prezzi variano, si può andare dai 60/70 euro di base, per un pacchetto da dodici colori, ai 240 per un pacchetto da 48colori. Si parla di mezzi godet. Abbiamo anche alternative con godet interi.

Come categoria meno professionale per chi non vuole spendere molti soldi, ci sono gli Schminke AKADEMIE, che sono dei colori mirati a chi sta imparando, ma vuole comunque avere una buona resa del colore.



Anche di questa serie, possiamo avere acquerelli sia in godet, che in tubetto. E i prezzi partono da una 30ina d'euro a pacchetto con dodici colori.


Un'altra bella alternativa possono essere gli acquerelli della serie " Artist" della Winsor&Newton, qui abbiamo anche la possibilità di comprare dei Maxi godet, che sono molto più grandi dei classici, e sono mirati a chi vuole realizzare grandi campiture con pennelli più grossi.


Il prezzo di un singolo maxi godet si aggira intorno alle 15/20 euro.
Ricordiamoci che i colori funzionano per miscelazione, quindi comprando i colori primari, se si è abbastanza abili nella creazione di altri colori, potremo arrivare alle gradazioni di colori secondarie e così via.

Della Winsor&Newton abbiamo anche la serie Cotman, che è una serie dedicata a chi si vuole divertire, senza smenare troppi soldi. Una buona offerta di questa serie è lo scatolo da 48 mezzi godet, lo si trova sulla sessantina d'euro. E sinceramente io li trovo dei colori carini. Sicuramente non sono il massimo della professionalità ma averne 48 è più che conveniente.



Da quello che ho potuto vedere invece su internet, un'altra ottima marca di colori è la Daniel Smith, che crea colori ad altissima pigmentazione e brillantezza, una vera e propria gioia per gli occhi.
I colori Daniel Smith possono essere acquistati solo in tubetti, o in stick. Questi colori hanno dei prezzi un po più alti. Partiamo dai 7 euro fino a 35 euro, per un singolo tubetto.
Gli stick invece costano sui 15 euro a colore, e come dimensione rappresentano circa tre godet interi.




In questi giorni, vi mostrerò delle prove tecniche con diversi tipi di acquerelli, fra cui gli Horodam, di cui ho ordinato un pacchetto da 24 colori. Tenete d'occhio il blog perché altre info su ciò che sto studiando arriveranno nei prossimi giorni.

Invece nel prossimo articolo dedicato all'acquerello, vi parlerò dei pennelli, ( Martora, Vaio, Scoiattolo ) con relativi prezzi, e successivamente vi parlerò della carta. ( Arches, e Canson ).

Se questo articolo vi è stato utile, fatemelo sapere con un commento.
E' chiaro che ci sono tantissimi altri acquerelli come i Mijello, Sennelier, i Talens, Lukas, White Nights, ecc... ma credo che i migliori da tutto ciò che ho letto, siano questi. Se avete anche dei consigli, aspetto le vostre impressioni.

Un salutone amici, a presto.

Daniele Raineri

lunedì 6 gennaio 2014

Tu guarda quei tizi; si credono artisti o robe simili.
Hanno quella maledizione di poter raccontare tutto quello che c'è nella loro testa. 


mercoledì 28 novembre 2012

COME IMPOSTARE LA PRESSIONE PENNA IN PS, E IMPOSTAZIONE PENNELLO PER SKETCH

Spesso una domanda ricorrente che mi accade di ricevere,
è quella riguardante il settaggio dei pennelli o di quali pennelli utilizzo io per disegnare.

Oggi nell' articolo, associando foto di riferimento, andremo a vedere,
come settare un pennello standard, o per lo meno vi farò vedere, il settaggio dei due pennelli,
che utilizzo maggiormente quando disegno.

Vedremo 2 tipologie di pennello,
- Il classico per disegnare la bozza, il pulito etc,
-Il pennello per la colorazione.

Prima di passare quindi alle regole per avere un buon pennello, c'è da dire, che
Adobe Photoshop, mette già di suo a disposizione ottime tipologie di pennelli,
e quindi il settaggio di un pennello, non è fondamentale, ma rientra semplicemente in uno
sfizio personale, oppure un qualcosa da avere per fare una determinata cosa, o avere un
determinato effetto.

C'è da dire anche, che il settaggio del pennello, non è per forza l'unica cosa che si può
fare, in quanto facendo qualche ricerchina su google, cercando " brush per Photoshop, e
altre varianti sicuramente si potranno trovare siti free, dove trovare tantissime cose dedicate.

L' ultima cosa, prima di iniziare, molto importante, è sapere che per avere il 90% di miglior funzionalità
al vostro lavoro, è utilizzare il vostro software, accompagnato da un tablet grafico,
Leggi gli articoli precedenti nel blog, se non sei a conoscenza di cosa sia la tavoletta grafica,
oppure se ne vorresti comprare una e sei indeciso.
Istallata la vostra tavoletta grafica, dovete obbligatoriamente verificare, se la pressione della penna
è attivata, se sbadatamente avete la tavoletta, ma non avete più il cd d' istallazione software,
potere trovare tutto quello che vi serve in base alla vostra tavoletta,
sul sito di Wacom.it dove potrete scaricare gratuitamente gli aggiornamenti, e tutti i software dedicati,
alla vostra tavoletta.
Ricordate che una tavoletta senza pressione è quasi inutile,
se vi state domandando o non sapete come verificare se la pressione della vostra pennetta
sia attiva, vi posto la foto, per mostrarvi

IMPOSTAZIONI PENNELLO
DINAMICA FORME


PRESSIONE DELLA PENNA oppure INCLINAZIONE PENNA




Perfetto, adesso andiamo a vedere come creare il settaggio del pennello per il nostro pennello da sketch.
1 Dalle impostazioni, selezioniamo il classico pennello rotondo


2 Impostiamo la dinamica forme, su Inclinazione della penna oppure Pressione penna,
3 Modifichiamo l' iconcina della forma del pennello portandola ad un angolo di 0° e rotondità 60°


3 Attiviamo la rotondità, cliccando sulla dicitura e il gioco sarà fatto,
   o per lo meno questo è il pennello base che io vado ad utilizzare per lo sketching, e l' ink pulita,
   naturalmente ogni spunto che trovate nelle varie diciture, vi darà un effetto ben preciso, quello
   che può essere un consiglio è sperimentare sulle diverse opzioni ed arrivare di massima ad un effetto,
   che vi serve in particolare.


Naturalmente se qualcosa non vi torna, seguite anche i riferimenti delle immagini e non potrete sbagliare,
il primo articolo/ foto tutorial finisce qui, nel prossimo che arriva in giornata vediamo come impostare,
il pennello per la colorazione.

Se avete domande tutte le discussioni sono aperte solo ed unicamente sotto questo post,
vi mando un salutone!

venerdì 23 novembre 2012

CONSIGLI PER IMPARARE A DISEGNARE

ALLENAMENTO BASE PER IL MIGLIORAMENTO AL DISEGNO




COME MAI NON RIESCO A DISEGNARE UNA FACCIA?
COME MAI NON RIESCO AD ESSERE SIMMETRICO?
COME MAI NON RIESCO A DISEGNARE CORRETTAMENTE L' ANATOMIA?
COME MAI MI ESCONO PERSONAGGI SPROPORZIONATI?
COME MAI LE COZZE SONO NERE, E LE BANANE SONO GIALLE?

Bene, vi capita mai di farvi certe domande?
vi riconoscete in alcune di queste cose? bah a parte la storia delle banane, che è una storia assurda.

Quelli che oggi vi do, sono dei semplici consigli,
che di sicuro non vi faranno diventare dei guru del disegno,
ma sicuramente se applicati con un pizzico di furbizia e costanza,
potranno probabilmente portarvi buoni risultati.




- Ricorda sei un disegnatore,
  non porti mai dei limiti, non hai dei limiti, e nel disegno mai esisteranno,
  un fotografo è condizionato a rappresentare ciò che vede il suo obiettivo,
  per quanto possa essere grande la sua creatività, andrà sempre ad immortalare una realtà che già
  esiste, ne sarà sempre condizionato da questo perché lavora tramite un mezzo,
  il disegnatore no, ha la fortuna di poter inventare qualsiasi cosa, di creare mondi, non esistono limiti,
  e soprattutto non credere mai di doverti porre dei limiti, credendo di non riuscir a fare qualcosa,
  perché con un pizzico di fantasia la realtà te la costruisci tu.

-Carattere,
sei un disegnatore ricordalo, la prima cosa di cui hai bisogno è uno scrupoloso carattere,
  a volte il disegno non sempre nasce come tua opera d' istinto, ma diventa quasi un nemico per te,
  un nemico perché spesso davanti alle difficoltà ti blocca, allora tu credendo di non saper affrontare la situazione abbandoni quel lavoro, o non lo finisci, o ne inizi un altro lasciando perdere quel che non sai fare, lavora sugli errori e combatti la paura di sbagliare, solo sbagliando si impara.

-Lavora su ciò che non sai fare,
  riesci a disegnare bene un volto ma non le mani?
  bene non disegnare sempre volti,
  lavora sulle cose più complicate, perché solo così riuscirai a combattere lo sbaglio.

-Disegna per il piacere ed il gusto di farlo.
 Oltre a lavorare sugli sbagli, non prefiggerti mai nella testa che devi disegnare forzatamente,
 disegna cose che ti piacciono, disegnale con gioia e porta avanti sempre quelli che sono i tuoi principi grafici, se ami uno stile in particolare, non farti problemi se magari qualcuno ti dice che non va bene o non è corretto, l' importante è fare ciò che ami, con il tempo arriverai anche a fare
  altre cose, e soprattutto a farle bene.

-Organizza la tua giornata,
  dedicati al disegno quanto più tempo possibile, devi sapere che il disegno non è altro che una costante, se disegni per dieci giorni di seguito, la tua mano sarà costantemente allenata. Come diceva King, per imparare a scrivere bisogna scrivere. Per il disegno è la stessa cosa.

-Organizza la tua postazione di lavoro,
  Trovati il tuo angolino, dove quotidianamente ti rilassi, disegna nella calma più possibile,
  in modo da rendere a pieno la concentrazione, senza distrazioni e quant'altro.
  Fanne il tuo piccolo rifugio sicuro, dove scacciare i pensieri, chiudere la mente dedicandosi solo alla propria passione.

-Entra nei tuoi mondi,
 Non reputare il disegno semplicemente come tratti schizzi o fogli di carta imbrattati di grafite, che
 magari il giorno dopo perderai, ma dai massima cura al tuo lavoro, dedicaci l' anima,
 entra nei tuoi disegni e fai che ogni singolo tratto tracciato dal tuo strumento, rappresenti ciò che sei.

-Documentati
 Spesso parecchie persone si pongono il problema di non riuscire a disegnare con la propria fantasia,
 perché non sono in grado di inventare i propri disegni, o di trasporre sulla carta le proprie idee. Se non sei in grado di inventare è semplicemente perché il tuo background di memoria non è abbastanza allenato. Guardando film, studiando costantemente immagini, osservando tutto quello che si ha intorno si potrà riuscire ad accrescere il proprio bagaglio grafico.


-Poniti degli obiettivi, ricorda il motivo che davvero porta al miglioramento grafico è avere un obiettivo, e con passione e costanza fare di tutto per raggiungerlo, alla fine se ce l' hanno fatta gli altri, perché non ci puoi riuscire tu?
 Poniti delle scadenze, prefissati dei lavori, anche se non ti son stati commissionati, cerca di fare sempre tutto al meglio come se stessi lavorando per un editore, anche perché i disegni che fai adesso, potrai sempre usarli in un secondo momento, per un eventuale book di presentazione.

-Cerca di trovare un genere e fallo tuo. Dallo studio di altri autori, dalla continua documentazione, da ciò che più ti piace allenati per trovare una tua personale impronta grafica. Non puntare a diventare il più bravo di tutti, perché di bravi ce ne sono sin troppi, ma pensa a diventare originale, a provare a creare qualcosa di nuovo. La gente deve trovare in te qualcosa che negli altri non vede.

-Disegna minimo un'oretta al giorno tutti i giorni. Poi in base a cosa ti prefiggi, impiega il tuo tempo.
Ci sono disegnatori che lavorano anche dieci-dodici ore al giorno sotto consegna. Il disegno è una costante, quindi più ci si applica, più si accresce il proprio metodo.

Un saluto!

Daniele